Le PEC delle Categorie della CGIL

Da oggi potete trovare le PEC della CGIL e delle Categorie confederate nell’area contatti delle loro pagine, ma per comodità ve le elenchiamo tutte anche qui:

CGIL – cdlt@pec.cgilpesaro.it

FILCAMS – filcamspesaro@pec.it

FILCTEM – filctempesaro@pec.it

FILLEA – filleapesaro@pec.it

FILT – filtcgilpesaro@pec.it

FIOM – pesaro.fiom@pec.it

FLAI – flaipesaro@pec.it

FLC – pesaro@pec.flcgil.it

FUNZIONE PUBBLICA – funzionepubblica@pec.cgilpesaro.it

NIDIL – nidilpesaro@pec.it

SLC – slcpesaro@pec.it

Ufficio Vertenze e Legali, Pesaro – pesaro.vertenze@pec.cgilpesaro.it

Ufficio Vertenze e Legali, Fano – fano.vertenze@pec.cgilpesaro.it

Ufficio Vertenze e Legali, Urbino – urbino.vertenze@pec.cgilpesaro.it

Incontro pubblico sul tema delle “esternalizzazioni” dei bancari

Lunedì 20 gennaio, alle 17.30 nella sala Di Vittorio della Cgil provinciale

PESARO – Il lavoro nelle banche dal punto di vista dei dipendenti e il problema delle esternalizzazioni. Sono i temi proposti dalla Fisac Cgil Pesaro Urbino (Federazione dei lavoratori del credito) che organizza un incontro, lunedì 20 gennaio, alle 17.30, nella sala Di Vittorio della Cgil di Pesaro, al quale partecipano dirigenti sindacali delle banche: Mps, Unicredit e Intesa, che in questi anni sono ricorse a consistenti esternalizzazioni dei lavoratori sollevando l’opposizione e le critiche del sindacato.

“Abbiamo deciso di organizzare questo incontro perché l’utilizzo delle esternalizzazioni (outsourcing) – spiega Paola Tacconi segretaria generale Fisac Cgil provinciale – è sempre più diffuso e proprio di recente, nelle Marche, a Pesaro e a Jesi, il Gruppo Ubi ha esternalizzato 70 lavoratori”.

Alla Monte dei Paschi di Siena, con un accordo sindacale che la Fisac si rifiutò di firmare perché ritenuto illegittimo, nel 2012, vennero esternalizzati ben 1066 lavoratori. A distanza di anni, i tribunali hanno disposto il reintegro dei lavoratori che avevano intentato causa contro la banca, la quale ora si vede costretta a reintegrarli.

All’incontro di lunedì 20 gennaio si discute su quanto accaduto in queste banche. Per Monte dei Paschi intervengono Stefano Carli segretario nazionale del Gruppo Mps, Giacomo Forni della segreteria nazionale Mps e Paola Tacconi segretaria generale Fisac Cgil Pesaro. Per Unicredit interviene il segretario provinciale Fisac Cgil Ancona Antonio Polidori e Mario Cipollini coordinatore regionale Fisac- Intesa.

“E’ bene ricordare che la legge 30 del 2003 – aggiunge Paola Tacconi – ha legittimato l’utilizzo dell’outsourcing che permetto di ‘liberarsi’ dei lavoratori come fossero una qualsiasi merce di scambio essendo ceduti senza il loro consenso dalla società che li ha assunti ad un’altra società. Le aziende che esternalizzano hanno il vantaggio di continuare a controllare le attività, ma si liberano del fastidio di essere la controparte dei dipendenti dando vita a un modello organizzativo del sistema produttivo di impronta fortemente neoliberista e dal 2003 in poi, con l’abrogazione della legge 1369 del 1960 (la quale sanciva che il datore di lavoro era colui che avesse effettivamente utilizzato le prestazioni lavorative) e le modifiche all’art.2112 del codice civile, il lavoro può essere separato dall’impresa”.

Banche e filiali Marche: per Cgil e Fisac rischio impoverimento

Ancora una volta le Marche pagano un conto salato sul fronte economico. Secondo i datidel bollettino della Banca d’Italia di giugno 2019:” …nel 2018 il numero degli sportelli in regione è sceso da 904 a 844 unità (-6,6% nel 2018, -10,7% nel 2017)… Per effetto delle chiusure di sportelli, il numero di comuni bancari è sceso nel 2018 da 195 a 190. I 5 comuni rimasti senza dipendenze bancarie sono ricompresi nel cratere del
terremoto.

(altro…)

Concorso moneta tradizionale e criptovalute: la premiazione

Urbino – Mercoledì 12 giugno a Urbino, nella sala del Rettorato (palazzo Passionei-Paciotti in via Lorenzo Valerio), alle 10, si conosceranno i vincitori del bando valido per l’anno 2018-2019, promosso da Cgil Pesaro Urbino, da Fisac Cgil (categoria dei lavoratori del credito) provinciale e nazionale e dall’Università Carlo Bo di Urbino.  Ai due studenti andrà un premio in denaro.

Sono due gli studenti vincitori con i loro elaborati svolti sul tema: “L’uso del denaro contante nelle società contemporanee. La diffusione della moneta tradizionale (contante) e delle criptovalute nella società italiana contemporanea. Valutazione delle ricadute: etiche, sociali, legali, economico-finanziarie e applicative”.

Mercoledì, alle ore 10, dopo i saluti del Rettore Vilberto Stocchi, avverrà la premiazione.

Di seguito la spiegazione approfondita del significato dell’iniziativa a cura di Maurizio Viscione, responsabile del dipartimento Legalità  Fisac Cgil e la presentazione del concorso da parte del professore Giorgio Calcagnini, prorettore vicario dell’Università.

Alle 10.45 si aprirà la tavola rotonda alla quale parteciperanno: Maurizio Testa, coordinatore del dipartimento nazionale Legalità della Fisac Cgil nazionale che parlerà dell’impegno del sindacato per la legalità, Sabrina Ferretti della Divisione analisi e ricerca economica territoriale della Banca d’Italia (sede di Ancona).

Interverrà poi il tenente colonnello della Guardia di Finanza territoriale Andrea Rizzo che parlerà del controllo della Guardia di Finanza sui sistemi di illegalità nel territorio provinciale.

Alla tavola rotonda interverrà anche Giordana Giombini del Dipartimento di economia, società e politica dell’Università Carlo Bo,

Alle 11. 45 per le conclusioni, la parola a Roberto Rossini, segretario generale Cgil Pesaro e Urbino.

Dopo 15 anni sciopero dei bancari della Bcc

PESARO – La Fisac Cgil provinciale esprime la propria soddisfazione per l’altissima adesione dei dipendenti delle Banche di credito cooperativo. L’ultimo sciopero dei lavoratori delle Bcc risale a 15 anni fa. La decisione di astenersi dal lavoro è legata al problema della disdetta della contrattazione nazionale, regionale di settore che la parte datoriale, Federcasse, ha deciso unilateralmente.
(altro…)