Sabato 11 febbraio 2017 parte la campagna referendaria della CGIL.


Sabato 11 febbraio a Pesaro, Fano e Urbino, come nelle principali città italiane, prenderà il via la campagna “Libera il lavoro, con 2 sì tutta un’altra Italia” a sostegno dei due quesiti referendari promossi dalla CGIL per l’abrogazione dei voucher e per il ripristino della responsabilità solidale negli appalti.

I referendum, ammessi dalla Consulta l’11 gennaio scorso, sono organici alla proposta di legge Carta dei diritti Universali del Lavoro.
L’obiettivo, concreto, della doppia proposta della CGIL è quello di ampliare i diritti del lavoro e garantire pari dignità e tutele a tutti, indipendentemente dalla forma contrattuale applicata.

Nello specifico il referendum sull’abrogazione dei voucher assume una valenza significativa nelle Marche dove l’utilizzo dei “buoni lavoro” ha superato la soglia dei 6 milioni.
La provincia di Pesaro Urbino, ha sottolineato Simona Ricci, segretaria generale provinciale CGIL Pesaro Urbino, con 1 milioni e 500 mila voucher venduti nel 2016, segna il record negativo rispetto alla regione.
Dati e fatti che rendono i voucher uno strumento irriformabile.


“Sugli appalti non possiamo limitarci a spiegare cosa vuol dire responsabilità solidale, ha detto ancora Simona Ricci, e in occasione dei presidi racconteremo alle persone cosa vuol dire lavorare nel sistema degli appalti e cosa significa tutelare i lavoratori nella giungla giuridica che ne regolamenta il funzionamento”.

Di seguito l’elenco dei presidi previsti per sabato 11 febbraio 2017 in provincia di Pesaro Urbino:
Pesaro, Piazzale Lazzarini dalle 9,30 alle 12,30;
Fano, via Cavour, dalle 9,30 alle 12,30 ;
Urbino, piazza della Repubblica dalle 9,30 alle 12,30.

A Pesaro parteciperà il Segretario Nazionale CGIL Roberto Ghiselli e la Segretaria CGIL Pesaro Urbino Simona Ricci.

Link utili
Sito ufficiale campagna #Con2Sì 
Il nostro focus

Facebooktwittergoogle_plus