Il Servizio Civile 2016 in CGIL Marche: 15 posti per giovani volontari

Progetto Mediatore Sociale, candidature aperte fino al 14 dicembre 2015.
Il bando è rivolto ai giovani NEET (Not in Education, Employment or Training) non occupati o inoccupati, non inseriti in un percorso di istruzione o formazione, non iscritti ad un regolare corso di studi o di formazione che hanno aderito a Garanzia Giovani.
(altro…)

Voucher: nelle Marche cresce a dismisura il lavoro accessorio e precario

I dati diffusi dall’INPS sui voucher sono a dir poco allarmanti e ci segnalano una situazione di grande trasformazione del mercato del mercato del lavoro marchigiano: questo è quanto emerge dai dati elaborati dall’Ires Marche.

I buoni lavoro (voucher), concepiti come strumento per favorire l’emersione del lavoro nero accessorio, diventano ormai un fenomeno non più trascurabile: tra il 2013 e il 2014 si evidenzia un aumento dell’87% dei voucher venduti, passando da 1.651.129 a 3.105.712.

(altro…)

Pubblico impiego: nelle Marche in 4 anni persi 4.000 posti di lavoro

Comunicato stampa

Alessandro Pertoldi – Segretario Generale FP CGIL Marche

Il lavoro nelle pubbliche amministrazioni, dei dipendenti pubblici, è fatto di tante professioni: infermieri, educatori, operatori socio sanitari, vigili del fuoco, agenti di polizia locale, assistenti sociali, geometri, mediatori culturali – solo per citarne alcune – è fatto di persone che ogni giorno garantiscono i diritti fondamentali dei cittadini.

Il prolungato blocco del turn over, esplicitamente mirato alla riduzione progressiva degli organici, ha già provocato danni quasi irreversibili con il drammatico invecchiamento che produce effetti immediati sul dinamismo degli apparati pubblici, in specie nei segmenti più “operativi”.

Nel 2013, per il quinto anno consecutivo, è proseguita la riduzione della forza lavoro impiegata nelle amministrazioni pubbliche.

Rispetto al 2007 il totale degli occupati nella Pubblica Amministrazione si è ridotto del 5,7%.

Le variazioni intervenute fra il mese di dicembre 2013 ed il mese di settembre 2014 confermano la prosecuzione della contrazione generalizzata per tutti i comparti, con poche eccezioni che riguardano i Corpi di polizia e le Agenzie fiscali che restano sostanzialmente stabili, mentre la Magistratura e i Vigili del fuoco fanno registrare qualche incremento.

La riduzione della spesa pubblica attraverso tagli lineari ha inciso notevolmente sia sulla garanzia dei servizi ai cittadini sia sulle condizioni di lavoro del personale impegnato negli stessi.

L’Italia, confrontata con gli altri grandi paesi europei non ha troppi dipendenti pubblici, né in rapporto alla popolazione residente né in rapporto all’insieme degli occupati. Uno degli apparati pubblici meno ingombranti d’Europa, quello italiano, in costante riduzione negli ultimi dieci anni in assenza di rinnovo contrattuale da sei anni e retribuzioni  bloccate per legge.

Nelle Marche fra il 2009 ed il 2013 si sono persi 3.971 posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione passando dal totale di 85.195 dipendenti, registrato nel 2019 al totale di  81.224 dipendenti registrato nel 2013.

A questo dato va aggiunta l’ulteriore  contrazione generalizzata per tutti i comparti registrata nel periodo dal dicembre 2013 al mese di settembre 2014 (vedi tabella 4.1).

Dipendenti pubblici 1dipendenti pubblicimarche-page-002