Manovra: misure ancora inadeguate

Federconsumatori: “per aiutare le famiglie servono misure più mirate e consistenti”

Pesaro, 25 novembre 2022 – Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla manovra di bilancio da 35 miliardi: un insieme di misure ancora insufficienti ad affrontare la grave situazione che vivono le famiglie e tutto il Paese.

Se, da un lato, si mantiene una continuità con le misure del governo precedente, salvandone l’essenziale, dall’altro si compiono scelte orientate al facile consenso, per rispondere in parte alle promesse fatte in campagna elettorale, dando una forte impronta identitaria all’intera manovra.

Nella sostanza, però, alle famiglie andrà ben poco: non c’è traccia delle rateizzazioni lunghe delle bollette, né della sospensione dei distacchi per morosità per gli utenti domestici. Sul fronte dell’energia si prolunga il taglio degli oneri di sistema, ma solo fino al 31 marzo, mentre da dicembre calerà lo sconto sulle accise dei carburanti: il taglio sulla benzina passerà da 30,5 centesimi a 18,3, ma non c’è traccia di una riforma strutturale delle bollette che le associazioni dei consumatori propongono da tempo.

Il taglio del cuneo fiscale è positivamente destinato ai lavoratori, ma è solo temporaneo. Poteva essere reso più ampio in questa difficile fase che le famiglie attraversano. Resta a nostro avviso necessario il taglio delle aliquote IVA, almeno sui beni essenziali: da tempo sollecitiamo il Governo ad una seria riforma in questo campo ma si è persa ancora l’occasione.

Nella manovra ci sono misure incongruenti con gli intenti dichiarati di aiuto ai più deboli come l’abrogazione del reddito di cittadinanza in piena crisi, nel periodo meno adatto per farlo. Sarebbe stato forse più appropriato qualche correttivo e maggiori controlli piuttosto che la sua riduzione ed eliminazione senza vere, efficaci alternative. Oltre a ciò, troviamo non solo inutile, ma anche dannoso, tranne che per gli evasori, l’innalzamento della soglia del contante a 5.000 euro.

Manca del tutto all’appello una voce relativa alla sanità, sulla quale pesa la proiezione della riduzione degli stanziamenti già prevista dal Nadef. È invece una priorità rafforzare il SSN, soprattutto alla luce della forte risalita dei casi di Covid, nonché della pesante rinuncia da parte delle famiglie alla spesa per la prevenzione, a causa delle precarie condizioni economiche diffuse.

Federconsumatori Pesaro e Urbino

Facebooktwitter

Artigianato Informa

Contributo energia elettrica 2022

Cos’è

Il fondo mette a disposizione un contributo di 100 euro a favore delle lavoratrici e lavoratori titolari del contratto di fornitura di energia elettrica per i costi sostenuti nel 2022. I l contributo è erogato una tantum per nuclei familiari con un ISEE fino a 15.000 euro, e sarà riconosciuto anche se il titolare del contratto di fornitura elettrica è intestato al coniuge/convivente. La domanda potrà essere presentata entro e non oltre il 31/01/2023

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Copia della fattura/bolletta fornitura energia elettrica.
  4. Attestazione ISEE in corso di validità.
  5. Dichiarazione sostitutiva stato di famiglia
  6. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  7. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM, via I° Maggio 142/C 60131 Ancona

Assegno allo studio

Cos’è

Contributo di 400 euro al conseguimento del diploma di maturità con votazione minima di 80/100.
Contributo di 500 euro al conseguimento della Laurea triennale che deve avvenire entro 4 anni dalla prima iscrizione. Contributo di 750 euro al conseguimento della Laurea specialistica che deve avvenire entro tre anni dalla prima iscrizione. Contributo di 1.250 euro al conseguimento della Laurea a ciclo unico se avvenuto entro 6 o 7 anni dalla prima iscrizione

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Dati Familiare e diploma o laurea
  4. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  5. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM, via I° Maggio 142/C 60131 Ancona

Bonus spese scolastiche

Cos’è

Contributo di 120 euro per le medie inferiori e 180 euro per le medie superiori per l’iscrizione dei propri figli frequentanti ISEE anno 2022 18.500

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Dati Familiare e attestato frequenza
  4. ISEE 2022
  5. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  6. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

Bonus PC/Tablet

Cos’è

Contributo di 150 euro per acquisto di un PC o un Tablet per famiglie con figli frequentanti le medie inferiori o le medie suoeriori, ISEE anno 2022 pari o superiore a 18.500 euro

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Dati Familiare
  4. ISEE 2022
  5. Ricevuta fiscale acquisto
  6. Totale importo soggetto a rimborso
  7. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  8. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

Contributo frequenza asili nido

Cos’è

Contributo di 500 euro nell’anno 2022 ISEE anno 2022 pari o superiore a 26.000 euro

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (Buste paga dei mesi interessati)
  2. Dati Richiedente e ISEE 2022
  3. Dati Figlio, cod. fiscale
  4. Dati per pagamento ( Banca e Iban)
  5. Allegato: Fornitore, fatture e ricevute pagamento dell’importo,
  6. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: Ebam

Contributo sanitario

Cos’è

Contributo del 10% fino a max 700 euro per spesa sanitaria superiore a 1.500 euro Per la richiesta del Contributo sanitario, la data in cui sorge il diritto è il 31 dicembre dell’anno di riferimento della denuncia dei redditi (mod. 730); in tal caso, il dipendente deve avere almeno 6 mesi di permanenza continuativa in azienda nell’anno di riferimento.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Dati familiari se richiesto per persone a carico
  4. Totale importo soggetto a rimborso richiesto
  5. Modello 730/Unico per se o persone fiscalmente a carico
  6. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  7. Documento Privacy (Compilato in cartaceo firmato con C.I. da spedire a: EBAM)

Abbattimento barriere architettoniche

Cos’è

Contributo del 10% sulle spese sostenute, fino ad un massimo erogabile di 1.000,00 euro. La misura è sottoposta a limite ISEE anno 2022 pari o superiore a 18.500 euro.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda (ultima busta paga)
  2. Dati Richiedente
  3. Dati Familiare
  4. Totale importo soggetto a rimborso
  5. Dati pagamento Banca
  6. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato, C.I.

Patologie gravemente invalidanti

Cos’è

Contributo triennale di 350,00 euro annui.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda
  2. Dati Richiedente
  3. Dati Familiare
  4. Dati per pagamento (Banca e Iban)
  5. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I.

Sussidio di maternità facoltativa

Cos’è

Contributo per i dipendenti per un massimo di 6 mesi, per contratti Part-time 100,00 euro al mese e Full-time 200,00 euro al mese.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda
  2. Dati Richiedente
  3. Data inizio e fine maternità facoltativa
  4. Dati figlio/a e cod.fiscale
  5. Allegati: domanda presentata all’Inps e ricevuta di ritorno
  6. Buste paga periodo
  7. Dati pagamento (banca e Iban)
  8. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

Malattia di lunga durata

Cos’è

Contributo di 250,00 euro al mese per un massimo di 6 mesi, per i dipendenti in aspettativa non retribuita dopo l’utilizzo di tutto il periodo massimo di comporto per malattia previsto dal CCNL. La domanda a fine del periodo richiesto.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda
  2. Dati Richiedente
  3. Allegati: lettera di richiesta di aspettativa non retribuita come da CCNL applicato
  4. Buste paga del periodo
  5. Certificazione Medica del periodo richiesta
  6. Dati pagamento (banca e Iban)
  7. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

Integrazione di malattia superiore a 180 giorni

Cos’è

Il Fondo mette a diposizione dei dipendenti un contributo massimo di 250,00 euro al mese per un massimo di 6 mensilità.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda
  2. Dati Richiedente
  3. Inizio e fine malattia
  4. Allegati: buste paga comprese di LUL del periodo dal 181° giorno di malattia
  5. Dati pagamento (banca e Iban)
  6. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

Formazione individuale

Cos’è

Contributo una-tantum per la partecipazione a corsi di formazione individuale fuori dall’orario di lavoro, per un importo di 100,00 euro.

Documentazione necessaria

  1. Dati Azienda
  2. Dati Richiedente
  3. Allegati: Ricevute intestate al lavoratore
  4. Attestato dell’orario di lavoro rilasciato dal datore di lavoro
  5. Attestazione dell’orario del corso sostenuto, rilasciato dall’ente di formazione
  6. Dati pagamento (banca e Iban)
  7. Documento Privacy compilato in cartaceo firmato con fotocopia C.I. da spedire a: EBAM

ll Delegato di bacino del settore artigianato della CGIL di Pesaro Urbino Monaldi Marco, assiste gratuitamente gli iscritti nella richiesta di rimborso delle prestazioni FSR EBAM., essendo abilitato ad accedere alla piattaforma on-line My EBAM. Potete farlo contattando il 348 3890943 oppure inviando una mail a m.monaldi@marche.cgil.it, per fissare un appuntamento.

Informa i tuoi colleghi che lavorano con il contratto dell’Artigianato di questa opportunità che la CGIL di Pesaro Urbino offre agli ISCRITTI.

Settore Artigianato CGIL PU
Il Delegato di Bacino
Marco Monaldi
Tel. 0721 4201 – Cell. 3483890943
e-mail: m.monaldi@marche.cgil.it

Facebooktwitter

Dl Aiuti quater: misure ancora troppo deboli e inadeguate soprattutto sul fronte dell’energia

Il Decreto che contiene misure che poco c’entrano con il termine “aiuti” relega il contrasto del caro bollette al margine del provvedimento.

Pesaro, 14 novembre 2022 –  Nessuna novità positiva dal governo sul caro bollette che pure  aveva promesso un intervento adeguato.  Questa la preoccupazione di Federconsumatori.  “Gli annunci dei giorni scorsi – si legge in una nota diffusa dal presidente Alessandro Pertoldi -, a partire da quelli del Presidente del Consiglio, che promettevano risposte forti sul caro bollette suscitando una certa curiosità e qualche attesa, sono stati smentiti dai contenuti del Decreto Aiuti quater.

Il Decreto, che contiene misure che poco c’entrano con il termine “aiuti”, relega il contrasto del caro bollette al margine del provvedimento.

Le risorse stanziate, che coprono i mesi di novembre e dicembre 2022, non prevedono novità positive rilevanti rispetto a quanto già visto nei mesi scorsi: in realtà, su gas ed elettricità, si limitano a una semplice proroga del taglio degli oneri di sistema e dell’Iva. Misura del tutto insufficiente a fronteggiare la crescente difficoltà delle famiglie, soprattutto con l’inverno alle porte. 

Incomprensibile e inaccettabile l’esclusione degli utenti domestici dall’accesso alla rateizzazione delle bollette, riservata esclusivamente alle aziende. Sarebbe necessario disporre, almeno, delle garanzie affinché la rateizzazione possa essere effettuata per i cittadini da parte di istituti bancari.

Nella bozza del Decreto non ci è sembrato di scorgere alcun riferimento alla sospensione dei distacchi per morosità: ci auguriamo sia una svista nostra e non del Governo! Se così fosse sarebbe davvero preoccupante.

Confermati, inoltre i tagli delle accise sui carburanti, almeno fino al 31 dicembre.

Una nota positiva si rileva nella proroga del mercato tutelato per i clienti domestici per il gas, che terminerà unitamente a quello dell’elettricità il 10 gennaio 2024. Una misura da noi fortemente richiesta, soprattutto in una fase in cui le aziende sul mercato libero stanno adottando, in molti casi, comportamenti scorretti ed ingannevoli.

Improponibile, inoltre, l’innalzamento al tetto del contante fino a 5.000 euro: come dimostrano innumerevoli studi, analisi, rapporti e ricerche una così elevata circolazione del contante rappresenta un forte rischio di aumento dell’economia sommersa e dell’evasione, che non solo non apportare alcun beneficio alle famiglie, ma anzi le danneggia poiché concorre ad un aumento dell’inflazione.

Anche in tema di superbonus, al netto delle considerazioni sulle criticità esistenti, ci pare del tutto ingannevole far passare la norma che riapre la possibilità di accedere al nuovo bonus per le proprietà unifamiliari per una misura a favore delle famiglie meno abbienti: di certo un nucleo con un reddito reale di 15.000 euro annui difficilmente potrebbe permettersi un’abitazione della tipologia prevista dalla norma.

Complessivamente, il Decreto Aiuti quater risulta, quindi, una sbiadita fotocopia delle misure già adottate, ancora inadeguate. Dei 9 miliardi stanziati solo 1 è destinato ai cittadini. Ad aggravare le preoccupazioni è anche la NADEF 2023 approvata dal Governo nei giorni scorsi che, per il caro bollette stanzia solo 22 miliardi di euro che basteranno, forse, solo fino ad aprile.

Ci auguriamo che il Governo accolga queste osservazioni e si decida, come non avviene da tempo, a convocare un tavolo con i rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori, per ascoltare, dalla voce di chi ne ha esperienza diretta, le esigenze, i problemi e le possibili soluzioni più idonee per tutelare i cittadini”.

Facebooktwitter

Terremoto: le aziende si preoccupano soltanto di riprendere la produzione

La denuncia della Fiom: pochissime le verifiche sulla tenuta strutturale degli edifici nelle fabbriche anche in vista di altre scosse

Pesaro, 9 novembre 2022 – Sono pochissime le aziende metalmeccaniche che hanno deciso, dopo la forte scossa di questa mattina , di accertare tramite i tecnici, i Vigili del fuoco o la Protezione civile la sicurezza dei fabbricati, anche in vista di ulteriori scosse.

Un atteggiamento che dimostra la scarsa sensibilità dell’imprenditoria locale sul tema e soprattutto un comportamento opposto ai dettami del TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. Anche in questo caso la prima preoccupazione è stata quella di riprendere la produzione il prima possibile, esattamente come nelle primissime fasi della pandemia.

La FIOM Pesaro Urbino chiede e rivendica verifiche sulla tenuta strutturale degli edifici in tutte le fabbriche del territorio.

Facebooktwitter

Prosegue lo sciopero dei lavoratori di Euroiprem

Cinzia Massetti (Fillea) : la situazione è preoccupante. Chiediamo garanzie su stipendi e ammortizzatori sociali

Pesaro, 9 novembre 2022 – Continua lo sciopero proclamato dal 7 novembre scorso dei lavoratori di “Euroiprem Divisione Prefabbricato e Verniciatura”, azienda storica del legno di Pesaro, operante nella fabbricazione di pannelli e semilavorati.

“La Fillea Cgil Pesaro Urbino unitamente ai lavoratori, rivendicano il mancato pagamento di 2 mensilità, più volte dato per certo in seguito agli incontri avuti con l’amministratore dell’ azienda.

Pur avendo richiesto, con urgenza data la situazione, un ulteriore incontro alla proprietà e all’amministratore per avere informazioni sul reale stato in cui versa l’azienda, sulle retribuzioni e sull’apertura di ammortizzatori adeguati alla situazione, ad oggi non si sono ricevuti riscontri.

Questa situazione è fonte di grande preoccupazione per Fillea Cgil, i lavoratori e le loro famiglie, alcune delle quali monoreddito.

Pertanto permane lo stato di agitazione fino a quando non verranno pagate le retribuzioni e non verranno posti in essere gli ammortizzatori per garantire una salvaguardia adeguata ai lavoratori”

Facebooktwitter

Bollette del gas in calo del 12,9% a ottobre

Alessandro Pertoldi: “Un dato positivo, ma è ancora presto per tirare un sospiro di sollievo”

PESARO, 8 novembre 2022 – ARERA ha aggiornato  le tariffe del gas per i clienti sul mercato tutelato, per la prima volta su base mensile come spesso sollecitato da Federconsumatori,.   La famiglia tipo, per i consumi effettuati nel mese di ottobre, riceverà, stando ai dati di ARERA, una bolletta con una riduzione del -12,9% rispetto al costo del III  trimestre 2022. La spesa gas per una famiglia nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° novembre 2021 e il 31 ottobre 2022) sarà di circa 1.702 euro, +67% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente.

Seppure in diminuzione le famiglie ancora non possono tirare un sospiro di sollievo: il costo del gas rimane su livelli elevatissimi, si tratta di un dato particolarmente allarmante, soprattutto in vista dell’inverno. Guardando ai dati relativi all’andamento del costo del gas sui mercati si rileva una progressiva, anche se ancora lenta, discesa dei prezzi del gas nel mese di ottobre, quello preso in considerazione per l’attuale determinazione del prezzo.

Era prevedibile, dunque, coerentemente con tali tendenze, una diminuzione delle tariffe, che però ancora non è sufficiente a far fronte alle difficoltà delle famiglie. È fondamentale agire, ora, mettendo a disposizione dei cittadini tutte le misure necessarie per affrontare la difficile situazione che il Paese sta attraversando. Ecco perché non basta intervenire sulle tariffe, ma è indispensabile:

·         Disporre la sospensione dei distacchi per morosità, oggi in larghissima parte legata a situazioni di profondo disagio e povertà, prevedendo anche la possibilità di una lunga rateizzazione delle bollette garantita dallo Stato e, insieme, un divieto più stringente alle modifiche contrattuali decise unilateralmente dalle aziende fornitrici di energia;

·         Incrementare l’importo dei bonus per energia, gas e acqua e allargando la platea dei beneficiari, attraverso l’innalzamento delle soglie ISEE, insieme con la costituzione di un Fondo di contrasto alla dilagante povertà energetica;

·         Riformare la bolletta, riducendone stabilmente gli oneri fiscali e parafiscali;

·         Prolungare, con un provvedimento di urgenza, il regime di maggior tutela per luce e gas (quest’ultimo dovrebbe terminare già il 31 dicembre 2022);

·         Prevedere un reale albo dei venditori, accreditati in base a requisiti e garanzie in termini di solidità, affidabilità, qualità del servizio e sostenibilità ambientale e sociale;

·         Ridefinire il sistema di formazione dei prezzi dell’energia, considerando la media ponderata dei costi delle diverse fonti e disaccoppiando elettricità e gas, per contrastare più efficacemente le speculazioni (considerando le forti spinte al rialzo del costo dell’elettricità), anche senza aspettare l’Europa, come fatto da Grecia, Spagna e Portogallo;

·         Pianificare una politica industriale ed energetica di rilancio degli investimenti sulle fonti rinnovabili e sulle tecnologie di accumulo, adottando misure di sostegno allo sviluppo delle comunità energetiche.

Le risorse per mettere in atto tali misure possono e devono essere ricavate anche dal rafforzamento degli strumenti di supertassazione degli extra-profitti realizzati dalle grandi imprese energetiche e da altre aziende in settori quali quello farmaceutico, finanziario, creditizio e dell’e-commerce. Sono queste le misure che ci aspettiamo dal Governo, affinché dia seguito a quanto promesso ai cittadini.

Alessandro Pertoldi

(Presidente Federconsumatori Pesaro Urbino)

Facebooktwitter

Una ciocca di capelli per la libertà delle donne iraniane e di tutto il mondo

Sabato 22 ottobre a Fano flashmob di solidarietà contro la barbara uccisione di Masha Amini

Nel pomeriggio manifestazione per la pace dal Pincio a piazza XX Settembre

FANO – Proseguono le manifestazioni di protesta contro la barbara uccisione di Masha Amini, la giovane originaria del Kurdistan iraniano arrestata e uccisa dalla polizia morale a Teheran per non aver indossato correttamente il velo. 

Sabato 22 ottobre a Fano, alle 10.30, il Coordinamento Donne del sindacato pensionati Spi – Cgil e  Fnp – Cisl e Uilp, assieme alle tre Confederazioni provinciali e all’associazione Impronte Femminili organizzano un flashmob di fronte alla Mediateca Montanari, in piazza Amiani, per esprimere sostegno e solidarietà alle donne iraniane  a supporto di un impegno assolutamente condiviso per l’affermazione della democrazia,  dei diritti civili, sociali, economici e culturali universali perché la libertà delle donne è la libertà di tutti in qualsiasi parte del mondo.

Sono trascorse più di tre settimane dall’uccisione di Masha Amini e il suo nome è diventato fulcro di proteste; in tutto il mondo le donne che scendono in piazza contro questo assurdo crimine hanno scelto il gesto simbolico del taglio della ciocca dei capelli per dimostrare la loro solidarietà.

“Le nuove generazioni – si legge in una nota dei sindacati –  hanno sostenuto tali proteste con scioperi nelle università e nelle scuole in Kurdistan, con manifestazioni in Iran e anche i sindacati indipendenti iraniani hanno indetto con coraggio lo sciopero generale.”

Sempre a proposito di manifestazioni, nel pomeriggio, si svolgerà la “Camminata della Pace”, con partenza dal Pincio alle 17.30 e arrivo in piazza XX Settembre.

Fano, 20 ottobre 2022

Facebooktwitter

Piantiamo gli alberi per un futuro migliore

PESARO, 18 ottobre 2022 –  Venerdì 21 ottobre, in via San Martino, si svolgerà la seconda edizione di “Piantiamo gli alberiper un futuro migliore” con gli studenti dell’Istituto comprensivo di Villa San Martino, lo Spi Cgil, il Comune, l’Auser, il Quartiere 10 e l’Aspes.

Un gesto simbolico da associare a un’idea di futuro diversa e sostenibile, partendo proprio dalla cura e dall’attenzione per l’ambiente. Un progetto che vede la collaborazione della scuola, delle Istituzioni, del volontariato e del sindacato pensionati Cgil che hanno organizzato la piantumazione di alberi in via San Martino (lato rotatoria).

Alle 9.30, dopo i saluti del sindaco Matteo Ricci, alla presenza degli alunni dell’Istituto comprensivo Villa San Martino, interverranno: Lilli Gargamelli segretaria generale dello Spi Pesaro e Urbino, Massimo Ciabocchi, presidente provinciale dell’Auser, Luca Pieri, presidente di Aspes, Sami Tayeb presidente del quartiere 10 di Villa San Martino e Loretta Mattioli, dirigente dell’Istituto comprensivo.

“Probabilmente non tutti hanno compreso l’enormità del problema climatico – sottolinea Lilli Gargamelli – ma a noi piace pensare che anche piccoli gesti come il nostro possano contribuire a un cambiamento concreto e a rafforzare la consapevolezza che il clima è malato ma ognuno di noi può fare qualcosa anche con un piccolo gesto come quello di piantare alberi: un piccolo gesto che coinvolge generazioni diverse, studenti e pensionati.  Passato, presente e futuro”.

Facebooktwitter

Graduatoria servizio civile regionale – Garanzia Giovani 2022

In ottemperanza a quanto previsto nel Bando Regionale Garanzia Giovani – Misura 6 – Servizio Civile Regionale, si pubblica la seguente graduatoria di selezione relativa al Progetto Assistenza e Tutela Individuale 3”.

Ente proponente:  CGIL Marche – sede di Pesaro

Posti totali disponibili: 4

Graduatoria provvisoria – Selezione servizio civile 2022 CGIL Pesaro e Urbino

Sede Montecchio di Vallefoglia – posti disponibili: 1

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE PUNTI CV /40 PUNTI COLLOQUIO /60 TOTALE
/100
PERLINI ENRICO 05/11/1998 PRLNRC98S05L500W 8,08 50 58,08

Sede Fano – posti disponibili: 1

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE PUNTI CV /40 PUNTI COLLOQUIO /60 TOTALE
/100
SECCHIAROLI MATTEO 16/07/95 SCCMTT95L16L500F 8,3 30 38,3

Candidati esclusi

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE MOTIVAZIONE
DE MARCO MIRIAM 30/08/1995 DMRMRM95M70D643K ESCLUSA PER MANCATA ISCRIZIONE GARANZIA GIOVANI

Sede Urbania – posti disponibili: 1

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE PUNTI CV /40 PUNTI COLLOQUIO /60 TOTALE
/100
CALABRESE LUCIA 10/10/1994 CLBLCU94R50L500M 8 20 28*

  • Non raggiunto punteggio minimo per idoneità

Candidati esclusi

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE MOTIVAZIONE
BOCCIA GIOVANNI 09/04/1999 BCCGNN99D09L500Z NON PRESENTE AL COLLOQUIO

Sede Pesaro – posti disponibili: 1

Candidati esclusi

COGNOME E NOME DATA DI NASCITA CODICE FISCALE MOTIVAZIONE
FERTADI IOAN GHEORGHE 08/07/1993 FRTNHR93L08Z129E ESCLUSO PER MANCATA ISCRIZIONE GARANZIA GIOVANI

Facebooktwitter

FERMIAMO LA STRAGE SUL LAVORO – SCIOPERO 10 OTTOBRE

CGIL CISL E UIL MARCHE PROCLAMANO
1 ORA DI SCIOPERO IL 10 OTTOBRE

con assemblee in tutti i luoghi di lavoro PER RIACCENDERE L’ ATTENZIONE PUBBLICA SUL TEMA DELLA
SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Da gennaio a luglio 2022, nella Marche sono avvenuti 10.352 infortuni sul lavoro (+25,4% sul 2021)

Sono i giovani a pagare il conto più salato

Da gennaio a luglio 19 incidenti mortali (più di due al mese!)

QUESTI NON SONO NUMERI MA PERSONE
METTIAMO LA SICUREZZA AL 1° POSTO
SOSTIENI ANCHE TU LA CAMPAGNA DI MOBILITAZIONE

CHIEDIAMO

+ CONTROLLI

+ FORMAZIONE

+ SICUREZZA

Facebooktwitter